Manifesto in difesa della qualità
manifesto

Questo manifesto è stato redatto dall'onaf ed è sempre attuale. Si respinge l'omologazione dei sapori e si pone al centro, come sinonimo di qualità, la certificazione delle diversità di sapori e produzioni che rappresentano un segno distintivo e riconoscibile della nostra terra.

FARE QUALITÀ
"Fare qualità si riduce, oggi, molte volte alla semplice applicazione di parametri igienico-sanitari standard e all'acquisizione di certificati di ogni tipo. Il gusto viene poco considerato e in tal modo si tradisce un'esigenza esplicita del consumatore. La necessità di certificare gusti e sapori che siano una corretta espressione del prodotto acquistato e lo collochino nel territorio d'origine non è contemplata nella vigente legislazione. Il gusto non subisce alcun controllo istituzionale. Da qui l'esigenza di ampliare il concetto di "qualità" intesa anche come "garanzia controllata" di sensazioni gustative riconducibili con maggior serietà e inderogabilità al prodotto dichiarato in etichetta.

"Manifesto in difesa della qualità riconoscibile dal gusto. ONAF"

I sei punti chiave:

- Chiediamo a istituzioni, organi di controllo, produttori che la qualità venga riconosciuta anche in funzione della diversità delle caratteristiche organolettiche e sensoriali del prodotto finale acquistato dal consumatore, non limitandola ad una garanzia di sicurezza sanitaria e alla produzione di certificati.

- Confermiamo che la differenza del gusto è una caratteristica inalienabile del prodotto caseario senza la quale l'espressione del territorio, la testimonianza della cultura e della tradizione, il lavoro di chi ha saputo raccogliere antichi saperi per trasformarli in eccellenze casearie, vengono vanificati.

- Rifiutiamo l'attuale atteggiamento di banalizzare i sapori conformandoli ad una non meglio definita richiesta del consumatore, consci che i diritti dello stesso siano difesi da possibilità di scelte gustative più complete, differenziate, strettamente riconducibili alla tipologia del prodotto e riconoscibili nella diversità.

- Rivendichiamo come Onaf, Associazione Nazionale Assaggiatori di Formaggi, la necessità di considerare l'aspetto sensoriale finale come elemento essenziale della qualità, ufficialmente riconosciuto e garantito da precisi controlli mirati e reso noto al consumatore.

- Ribadiamo che il concetto di qualità senza la garanzia dei sapori diversificati e legati alla tradizione è monco, confonde e tradisce le aspettative del pubblico e contribuisce a costruire una società senza memoria della cultura agroalimentare.

- Esortiamo, quindi, chi si occupa del comparto lattiero-caseario e della sua organizzazione, unitamente a legislatori, responsabili istituzionali e consumatori, a ritenere che il problema della tutela e della salvaguardia del gusto debba trovare una soluzione urgente e non procrastinabile. Dobbiamo impegnarci a pretendere una qualità nel piatto e non solo, come sovente avviene, determinata anticipatamente sulla carta senza avere riscontri reali al consumo. Bisogna poter riconoscere il formaggio che si mangia.

Cookie

Questo sito web utilizza cookie di terze parti

X
Questo sito utilizza cookie tecnici anonimi per garantire la navigazione e cookie di terze parti per monitorare il traffico e per offrire servizi aggiuntivi come ad esempio la visualizzazione di video o di sistemi di messaggistica. Senza i cookie di terze parti alcune pagine potrebbero non funzionare correttamente. I cookie di terze parti possono tracciare la tua attività e verranno installati solamente cliccando sul pulsante "Accetta tutti i cookie". Puoi cambiare idea in ogni momento cliccando sul link "Cookie" presente in ogni pagina in basso a sinistra. Cliccando su uno dei due pulsanti dichiari di aver preso visione dell'informativa sulla privacy e di accettarne le condizioni.
MAGGIORI INFORMAZIONI